Home > Blog > SEO > Come utilizzare le Query di Ricerca dei GWT per migliorare il proprio sito

Come utilizzare le Query di Ricerca dei GWT per migliorare il proprio sito

Query di Ricerca Google Strumenti per i Webmaster


Vi consiglio di guardare questo video del GoogleWebmasterHelp che sintetizza bene come possono essere utilizzati i dati delle query di ricerca presenti nei Google Webmaster Tools.



Ecco in sintesi un possibile approccio all’analisi dei dati presenti nel pannello “Query di Ricerca” degli Strumenti per i Webmaster di Google.

1. Conoscere gli obiettivi del sito e il proprio pubblico:

  • Quali sono gli obiettivi del sito e del tuo business?
  • A che pubblico ti rivolgi?
  • In che zona?
  • Che dispositivi utilizzano per navigare?
  • Quali sono i loro obiettivi?
  • I loro obiettivi si possono allineare con quelli della tua azienda?
  • I termini che utilizzano per fare ricerche su Google sono presenti nei contenuti del tuo sito?
  • Utilizzare i filtri per verificare le percentuali di ricerca su web, cellulare, immagini video e le località.



2. Ordinare i dati per “click” in modo da poter analizzare le principali parole chiave che generano accessi al sito:

  • Sono le parole chiave che mi aspettavo?
  • Questi termini portano traffico qualificato?
  • Lo snippet della mia pagina che compare in serp per quel termine, può essere ottimizzato?
  • Il tuo sito riceve click per le parole chiave che ritieni importanti?



3. Ordinare i dati per “CTR” per capire se ci sono opportunità da sfruttare meglio


4. Cercare di categorizzare i termini di ricerca, organizzandoli in categorie che rispecchino l’intento degli utenti. Esempio:

  • Termini collegati al brand (“navigational queries” ): assicurati che gli utenti che cercano specificatamente il tuo sito, siano in grado di trovarlo
  • Termini collegati a prodotti (“informational queries” )
  • Termini orientati alla conversione (“transactional queries” ): individua i termini che indicano una maggiore propensione alla conversione (a seconda dell’obiettivo del tuo sito)
  • Termini stagionali o promozionali
  • Reviews o UGC (user generated content)

Alcune domande da porsi quando si individuano queste categorie possono essere:

  • Cosa sta cercando di fare chi effettua la ricerca
  • Da dove effettua la ricerca?
  • Il dispositivo da cui ricerca influenza il suo comportamento di ricerca?
  • Lo snippet della mia pagina invoglia al click?
  • Se l’utente clicca sul mio risultato in serp, il contenuto della mia pagina è in grado di soddisfare le aspettative dell’utente?
  • Il mio sito offre una buona user experience?



5. Selezionare il pannello “Pagine principali” e ordinarle:

  • per clic in modo da analizzare le pagine che ricevono maggiore traffico
  • per impression in modo da valutare eventuali opportunità e possibilità di miglioramento

Accetta il fatto che le pagine che ricevono maggiore traffico potrebbero non essere quelle che pensavi e verifica che il contenuto di queste pagine sia user-friendly e conversion-friendly.


PS: i dati sono disponibili solo per gli ultimi 90 giorni, quindi il consiglio è quello di scaricarseli ogni 3 mesi per tenere sotto controllo la loro evoluzione.

Ricordando che i primi tre passaggi della “Search Engine Pipeline” sono il crawling, l’indicizzazione e il posizionamento nei risultati di ricerca. Ma il ranking è solo una parte del processo che porta poi alla conversione.
Migliorare proprio business online

Riccardo PeriniScritto da:
Data: 10-04-2013
Categoria: SEO
Argomenti:
Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

 

- 4 Commenti -

  1. Rispondi web marketing napoli 10 aprile 2013 alle ore 14:40

    Stavo pensando di linkare questo post a tutti quelli che mi contattano chiedendomi un preventivo per fare posizionamento al ribasso, del tipo: “ho già chiesto il preventivo a 10 agenzie e vince chi mi fa l’offerta migliore”, manco vendessimo le patate al mercato :D

  2. Rispondi Michele Papaleo 14 aprile 2013 alle ore 09:42

    Molte persone dovrebbero leggere questo post. Spesso GWT è molto sottovalutato!

  3. Articolo citato da: 5 modi per sfruttare (sul serio) Google Webmaster Tool

  4. Rispondi web designer 12 gennaio 2014 alle ore 20:52

    Grazie per la delucidazione, ma c’e una cosa che non capisco molto bene.
    Se clicco sulla gestione delle pagine principali e vedo in dettaglio la query con il numero di impression, mi da dei risultati un pò bizzarri.

    Cioè tipo posizione 5 mi da meno impressioni e click rispetto a da 6 a 10.come e possibile che una posizione più bassa mi generi più impression e click di una posizione più bassa?

- Lascia un commento -