Home > Web Analytics > KPI – Key Performance Indicator

KPI – Key Performance Indicator

Definizione di KPI (Key Performance Indicators)

Che cosa sono i KPI?

KPI Key Performance IndicatorKPI è un acronimo inglese che sta per “Key Performance Indicators”, in italiano “indicatori di prestazione chiave”, e rappresenta l’insieme degli indicatori che permettono di misurare le prestazioni di una determinata attività o processo, ad esempio una campagna di web marketing.

I KPI sono quindi degli indicatori strategici che permettono di misurare la buona riuscita di un progetto, e devono essere strettamente legati agli obiettivi che ci si propone di raggiungere. Una volta identificati i propri obiettivi, vanno definiti in anticipo i KPI.

Gli indicatori di performance devono inoltre essere quantificabili e misurabili in quanto devono permettere di analizzare con precisione i progressi fatti verso il raggiungimento dei propri obiettivi.

Definire i KPI con attenzione è quindi molto importante. Ad esempio “diventare l’azienda leader di settore” non è un kpi corretto in quanto non si tratta di un dato oggettivamente misurabile, anche se a quanto pare in Italia ne abbiamo parecchie di (presunte) aziende leader.

In aggiunta, un buon KPI dovrebbe essere scelto in ottica di lungo periodo, e non dovrebbe cambiare nel breve, in modo da essere confrontabile. In questo modo sarà infatti più facile effettuare nel tempo dei confronti con gli stessi periodi degli anni precedenti, per valutare i progressi compiuti nel raggiungimento dei propri obiettivi.

 

Esempi di Indicatori Chiave di Performance per Siti Web

Premesso che ogni azienda dovrebbe definire dei KPI personalizzati a seconda dei propri obiettivi, riassumo qui di seguito, a mero titolo di esempio, alcuni KPI pche potrebbero essere utilizzati per le campagne di marketing online per il controllo delle performance:

  • Fatturato generato dalle varie fonti di accesso al sito web (campagne PPC, accessi organici dai motori di ricerca, campagne di e-mail marketing, referral, social media, ecc.)
  • Tasso di conversione (es. acquisto di un prodotto, registrazione al sito, compilazione di un modulo di richiesta informazioni, download di una brochure, …)
  • Numero di conversioni registrate in un determinato periodo di tempo
  • Il valore medio degli ordini in un sito e-commerce
  • Numero di visite o visitatori unici mensili
  • Numero di pagine visualizzate in media in ogni visita
  • Bounce rate o tasso di uscita
  • Ecc.
Riccardo PeriniScritto da:
Data: 8-09-2011
Categoria: Web Analytics
Argomenti:
Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

 

- 1 Commento -

  1. Rispondi LUCIA BARBIERI 15 luglio 2014 alle ore 17:00

    E’ interessante, ma mi piacerebbero esempi relativi ad una piattaforma logistica.
    Grazie

- Lascia un commento -