Home > Blog > Eventi Web Marketing, SEO > Geolocalizzazione dei Risultati Organici nelle SERP di Google

Geolocalizzazione dei Risultati Organici nelle SERP di Google

Durante la settima edizione del Convegno GT che si è svolto al Palazzo dei Congressi di Riccione il 15 e 16 dicembre 2012, sono intervenuto con uno speech sulla “Geolocalizzazione dei Risultati Organici nelle SERP di Google”.
Riccardo Perini Convegno GT 2012 Riccione (RN)

Ecco le slide del mio intervento


Riassumo per punti i contenuti del mio speech

Personalizzazione dei risultati su Google
Google personalizza i risultati di ricerca in vari modi, sia se siamo loggati con l’account Google (cronologia, attività delle persone nelle nostre cerchie, …), sia se non siamo loggati (ricerche precedenti, posizione).

Importanza della ricerca locale
La località è un fattore di ranking. Un po’ di dati sulla local search:

  • Ad aprile 2010 Google annuncia che il 20% delle ricerche totali effettuate su Google sono collegate ad una località.
  • Il 19 ottobre 2011 Google dichiara che il 20% delle ricerche da PC hanno un intento “locale”, e che questa percentuale aumenta al 40% per le ricerche da mobile.
  • Ad ottobre 2012 la percentuale di ricerche locali da mobile sale al 50%.
  • Il 97% dei consumatori cerca online attività commerciali locali

Ecco a proposito una simpatica vignetta di GUD sugli utenti e le ricerche geolocalizzate.
Ricerche geolocalizzate Google (vignetta GUD)


Un po’ di storia della Local Search su Google

  • In un post del 04/03/2008 Google parla dell’importanza dell’analisi dei dati per migliorare i risultati di ricerca, e introduce anche il concetto di “local search”.
  • A maggio 2008, per ricerche generiche su Google.com (senza essere loggati) compare in serp un box in cui Google chiede “Stai cercando risultati locali per [parola generica]? Inserisci una località. Inoltre Google inizia a mostrare le mappe del Local Business Center in SERP anche per ricerche generiche
  • Il 30/07/2008 viene pubblicato un post sul blog ufficiale di Google che fa chiarezza sulla personalizzazione dei risultati di ricerca in base a posizione, ricerche recenti e cronologia.
  • Il 20/10/2009 Matt Cutts pubblica un video sulla personalizzazione dei risultati in base all’IP (“Will Google personalize results based on user IP location?”)
  • Il 26/02/2010 Google introduce i “nearby results” offrendo, nel menu alla sinistra dei risultati in SERP, tra gli strumenti per affinare la ricerca, la possibilità di mostrare i risultati “vicini” a una località.
  • Il 18/10/2010 Google introduce nella colonna sinistra la “Località”.
  • Il 27/10/2010 Google introduce la “Place Search”, canale verticale dedicato solamente alla ricerca delle attività commerciali presenti nel Local Business Center.
  • Dal 6 novembre 2012, con il nuovo layout, la località viene spostata nel menu orizzontale sopra i risultati di ricerca, e non è direttamente visibile, ma “nascosta” sotto la voce “Strumenti di ricerca”.

Aggiornamenti algoritmici di Google sul local
Sempre più spesso, nelle liste di aggiornamenti algoritmici rilasciate sull’Inside Search Blog, compaiono voci che riguardano la local search, a testimonianza dell’importanza di questo fattore per Google. Tra i più importanti del 2012 il “Google Venice Update”.

Test sulla geolocalizzazione organica dei risultati
Dopo il test condotto a marzo 2012 sulla presenza di risultati organici geolocalizzati per la ricerca generica [hotel], a novembre 2012 faccio un nuovo test. Utilizzando Advanced Web Ranking (impostando 20 motori di ricerca locali, con località i 20 capoluoghi di regione), ho cercato di verificare l’intento locale attribuito da Google a differenti tipologie di termini di ricerca.

L’obiettivo era individuare in che percentuale fossero mostrati nella prima pagina di Google risultati organici geolocalizzati in base alla località da cui veniva effettuata la ricerca.

Le tipologie di chiavi testate erano le seguenti:
1 – Brand (con sedi locali)
2 – Marchio di prodotto (senza sedi locali)
3 – Keyword generica (argomento informativo)
4 – Keyword contenente località
5 – Keyword generica (notizia o informazione che può avere intento locale)
6 – Keyword generica (prodotto)
7 – Keyword generica (prodotto da mangiare)
8 – Keyword generica (servizio)
9 – Keyword generica (attività)

Il test, test limitato e sicuramente non esaustivo, è servito come spunto per alcune considerazioni sul concetto di “intento locale” attribuito da Google a determinate query.
Percentuale risultati geolocalizzati in serp per tipo di ricerca


Seguono poi alcuni consigli su come capire se un sito compare come “geolocalized organic”, su quali sono i possibili “segnali locali” e su come sfruttare questa opportunità.

Video intervista ai relatori del Convegno GT

Mi trovate al minuto 12:28.





Image credits:
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.10151127702160194.428812.33392965193&type=3
https://twitter.com/guddaman/status/280271029132197888/photo/1

Scritto da:
Data: 6-02-2013
Categoria: Eventi Web Marketing, SEO
Argomenti: ,
Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

 

- 3 Commenti -

  1. Rispondi Massimo Piccioni 28 marzo 2013 alle ore 13:41

    Ciao una domanda,
    Volendo fare un test “a mano” sulle serp, va bene anche solo modificare la località manualmente su google no?
    Credo che sia lo stesso meccanismo che usa sia Advanced Web Ranking, e che restituisca gli stessi risultati di una serp fatta da un visitatore di quella località.

    Lo dico perchè in un altro post ho visto che avevi fatto fare le ricerche a persone fisiche residenti in altre località e te le sei fatte mandare, anche qui la mia domanda è perchè non hai semplicemente modificato tu la località e non lo hai fatto da solo quel test?

    Dici che se uno cerca da milano “assistenza caldaie” vede risultati diversi di quelli che vede uno che cerca da roma la stessa chiave settando come località “Milano”?

  2. Rispondi MondoInWeb Creazione Siti Web Roma 23 aprile 2013 alle ore 23:23

    Dopo vari test, vi confermo che la Geolocalizzazione funziona esattamente come descritto da Riccardo.

    Ho solo una piccola domanda,
    se un’attività lavora su tutto il territorio Italiano,
    senza limitarsi ad una singola città,
    come possiamo comunicarlo correttamente a Google?

    Grazie

  3. Rispondi Mario 14 agosto 2013 alle ore 23:09

    E’influente l’uso di meta tag di localizzazione per Google?

- Lascia un commento -